11138128_907397905964235_2537176889731078237_n-e1452705427993

Mutefish: the music that don’t you expect

Pubblicato il Pubblicato in Musica e Arti Visive, Recenti, The Musical Box

MUTEFISH: THE MUSIC THAT DON’T YOU EXPECT

1380365_579150905455605_1826210075_nA few months ago, during a short holiday in Dublin, I was lucky to listen on the streets of downtown a band of buskers, the Mutefish. Members are: Bogus from Poland (guitar, mandolin), Marka from Lithuania (guitar, cajon), Pedro from Portugal (fiddle, flute, tin whistle, bagpipes), Tomas from Lithuania (bass), Peter from Ukraine (percussion, melodica, keys) and Philip from Ireland (drums), nationality and different musical backgrounds, they play an original and eclectic music, never trivial. Represent a perfect blend of folk rock instrumental – with cajon, flute, mandolin and fiddle in the background – enriching their pieces of innovative and catchy influences, being able to bind, at the same time, the Irish and east Europe tradition, with modern prints, so close to the rock, as the progressive and reggae.

So, let’s know them better. Tomas answers.

Q: The Mutefish represent the perfect mixture of cultures, ethnicities, musical genres and different backgrounds. When did you realize your band had a winning combination?

A: I do not think we did. It was just about the time we started to get labeled as folk band with our debut album On Draught that we moved on and made a heavier EP 360 Hangovers. And I believe it always will be like that for us, we do not feel attached to any specific genre and tunes are made firstly to please ourselves, then if people like them – that’s great.

 

Q: Your sound has managed to overcome the triangulation between guitar-bass-drums which has characterized many well-known Irish musicians, to preserve the uniqueness of melodic Irish folklore and embrace contemporary genres from overseas. What inspired you when composing your songs?

A: We all played in different bands before and we all agreed that we would have been happier about doing instrumental music where everyone has a fair share of saying. Therefore, somewhat unintentionally, we replaced vocals with lead instrument. But I believe even this line is becoming more blurry. We used to have flutes as lead instruments. Now we use mandolin, violin and melodica to supplement that, and as we grow as musicians even the triangular music base becomes more articulated. As for inspiration, we all come from different music and general backgrounds and that plays a big role in our sound.

 

DSCN3545
Benedetta Caccavo ©

 

Q: It is without doubt high the rate of those who, as a tourist in Dublin, has stumbled into your music through Temple Bar’s streets. What binds you to the street?

A: It is simply the best way to promote your material. The Mutefish does not have any management, and it is very hard to get your message across without proper representatives. On the street you eliminate the barrier of radio play, gig price, etc… and you can speak directly to your audience. Dublin is just the place where we met and started the band; therefore we mainly stayed and played there. But now with the possible ban of amplification in Dublin’s streets we might take a more gipsy approach to it all, just pack the van and go play in random cities. We will see…


Q: What would you like to communicate to your audience?

A: There’s no concrete message. There is certainly a mood to each tune, but we leave it to listeners’ interpretation, what they want to take out of it.

 

11811470_10153587504963408_3815780606537512115_n
Peter and Tomas

Q: What were the difficulties that The Mutefish had to overcome by sharing their music?

A: We have been lucky so far, and even with very crude means of sharing our music we feel it is going very well for us. We do not have the ambition of becoming a big band, but nonetheless we are able to make simple living out of what we do. Not a lot of d.i.y. Bands can say that.

 

Q: In May you will undertake a small European tour, you’re your audience which follows you with great enthusiasm is significantly growing… What are your goals for the future? A stop in Italy, maybe?

A: It surely would be great, we did a few gigs in Italy in 2013 and it was amazing. We’re taking a Winter break at the moment, in different countries doing our own thing. As we speak I am writing to you from an Internet Cafè in Las Palmas, Gran Canaria. It is hard to commit to anything big as the tour is in May and apart from a few festivals there is nothing booked yet and we also organized it from abroad. Our idea is to do a one-month trip, but you never know. Two years ago we planned a weeklong tour, which turned into a two months one!

———-

The busking in Ireland is a real institution: playing more for passion than for fame. The contact with people is fundamental, what matters is fun, without hindrance or coercion of label. It is not unusual then, walking to the city streets and run into the buskers. Young and old give to the city color, energy and the carelessness of a music that was born without conditions.

So, what are you waiting for?

Get carried away by the dance of Mutefish: these guys are amazing!

 

 

Website: http://mutefish.ie/

 

 

—oooOOOooo—

MUTEFISH: LA MUSICA CHE NON TI ASPETTI

1380365_579150905455605_1826210075_nQualche mese fa, durante una breve vacanza a Dublino, ho avuto la fortuna di ascoltare per le vie del centro un gruppo di musicisti di strada, i Mutefish. I membri: Bogus (Polonia) chitarra e mandolino, Marka (Lituania) chitarra e cajon, Pedro (Portogallo) violino, flauto e cornamusa, Tomas (Lituania) basso, Peter (Ucraina) percussioni ed infine Philip (Irlanda) batteria. di nazionalità ed esperienze musicali diverse, suonano una musica originale ed eclettica, mai banale. Rappresentano un mix perfetto di folk rock strumentale  con cajon, flauto traverso, mandolino e violino a fare da sfondo – arricchendo i loro pezzi di influenze innovative ed accattivanti, riuscendo al tempo stesso a legare tradizione irlandese ed Est-europea, con impronte moderne, vicine tanto al rock quanto al progressive e al reggae.

Ma conosciamoli meglio, attraverso una breve intervista. Tomas risponde.

 

D: I Mutefish rappresentano la fusione perfetta di culture, etnie, generi musicali ed esperienze differenti. Quando avete raggiunto la consapevolezza di aver individuato la combinazione vincente per la vostra band?

R: Non pensiamo di averlo fatto. Appena siamo stati etichettati come gruppo folk, con il nostro album di debutto On Draught, siamo andati avanti e abbiamo fatto un più pesante EP 360 Hangovers. E credo che sarà sempre così per noi, non ci sentiamo legati ad un genere in particolare e i brani sono fatti principalmente perché possano piacere a noi. Poi se piacciono anche alla gente, è fantastico.

 

D: La vostra sonorità è riuscita a superare la triangolazione basso-chitarra-batteria che ha contraddistinto molti musicisti irlandesi di fama internazionale, a conservare l’unicità melodica del folklore irlandese e ad abbracciare generi contemporanei d’Oltreoceano. A cosa vi ispirate quando componete i vostri brani?

R: Abbiamo tutti suonato in diverse band prima, ed eravamo tutti d’accordo che avremmo potuto essere più contenti facendo musica strumentale, dove ognuno di noi avrebbe avuto una parte equa di cose da dire. Perciò, un po’ involontariamente, abbiamo sostituito la voce con uno strumento solista. Ma credo che anche questa linea stia diventando sempre più sfocata. Per averla abbiamo usato il flauto come strumento solista. Adesso usiamo il mandolino, il violino e la melodica per integrarla, e così come noi cresciamo come musicisti, anche la base musicale triangolare diventa più articolata. Per quanto riguarda l’ispirazione, veniamo tutti da generi ed esperienze musicali diverse, e questo gioca un ruolo importante nella nostra musica.

 

DSCN3545
Benedetta Caccavo ©

 

D: E’ senza ombra di dubbio elevata la percentuale di chi, da turista a Dublino, è incappato nella vostra musica tra le strade di Temple Bar. Cosa vi lega alla strada?

R: E’ semplicemente il modo migliore per promuovere il nostro materiale. I Mutefish non hanno nessuno che li rappresenti, ed è molto difficile far arrivare il proprio messaggio in giro, senza rappresentanti adeguati. Sulla strada si eliminano le barriere costituite dalla radio, o dal prezzo dei concerti: così è possibile parlare direttamente al pubblico. Dublino è solo il luogo dove ci siamo incontrati e da dove si è formata la band; perciò principalmente siamo stati lì e abbiamo suonato lì. Ma adesso, con il probabile divieto di amplificazione per le strade di Dublino, potremmo adottare un approccio più gitana a tutto, basta solo preparare il furgone e andare a suonare in una città qualsiasi. Vedremo…

 

11811470_10153587504963408_3815780606537512115_n
Da sinistra verso destra: Peter e Tomas

D: Cosa cercate di comunicare al vostro pubblico?

R: Non c’è un messaggio preciso. Certamente in ogni brano si manifesta uno stato d’animo, ma lasciamo che siano gli spettatori ad interpretarli, e a trarre da essi ciò che vogliono.

 

D: Quali sono state le difficoltà con cui i Mutefish hanno dovuto fare i conti nel divulgare la propria musica?

R: Siamo stati fortunati finora, e anche se condividiamo la nostra musica con mezzi rudimentali, ci sembra stia andando molto bene. Non abbiamo l’ambizione di diventare una grande band, ma ciononostante siamo in grado di vivere in modo semplice ciò che facciamo. Non molte altre band come noi possono dire lo stesso.

 

D: A Maggio intraprenderete un piccolo tour europeo e il pubblico, che vi segue con entusiasmo, cresce sensibilmente. Quali sono i progetti per il futuro? Una tappa in Italia,  magari?

R: Sicuramente sarebbe grandioso, abbiamo fatto alcuni concerti in Italia nel 2013 ed è stato incredibile. Ci stiamo prendendo una pausa invernale al momento, in diversi Paesi, a fare le nostre cose. Mentre parliamo, ti scrivo da un Internet Cafè a Las Palmas, Gran Canaria (Isole Canarie). E’ difficile impegnarsi per qualcosa di grande come il tour di Maggio e, a parte un paio di festival, non c’è ancora nulla di programmato, avendo anche organizzato il tour all’estero. La nostra idea è di fare un viaggio di un mese. Ma non si sa mai. Due anni fa programmammo un tour di una settimana, che si trasformò poi in uno di due mesi!

———-

Il busking, in Irlanda, è una vera e propria istituzione: si suona più per passione che per fama. Il contatto con la gente è fondamentale. Ciò che conta è divertire ma soprattutto divertirsi, senza impedimenti o costrizioni d’etichetta. Non è inusuale, quindi, passeggiare per le vie di Dublino e imbattersi nei buskers (musicisti di strada). Giovani e meno giovani danno alla città colore, energia e la spensieratezza di una musica che nasce senza condizioni.

Quindi, cosa state aspettando?

Fatevi travolgere anche voi dalla danza dei Mutefish!

 

 

Website: http://mutefish.ie/

 

——————–

Immagine in evidenza: clicca qui

Fonti immagini:

n.1 -> clicca qui

n.2 -> clicca qui

About Benedetta Caccavo

COLLABORATRICE | Classe 1991, calabrese. Studentessa di Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Firenze. Sognatrice solitaria, crede fermamente nel valore e nella forza della giustizia sociale. E' appassionata di telefilm, cinema e musica. Nutre una profonda ammirazione per Charles Bukowski e la sua scrittura. Prova a scrivere dall'età di sei anni, una passione che l'accompagna da tutta una vita. Amante dei gatti e della buona cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *