01440930

“Un digiunatore” di Franz Kafka

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Il consiglio del Libraio, Letteratura e Cultura, Recenti

Franz Kafka, oltre agli scritti più famosi come “Il castello” e “Il processo”, pubblicò una raccolta di racconti intitolata “Un digiunatore” o “Un artista” del digiuno contenente quattro testi: “Primo dolore”, “Una donnina”, “Un digiunatore” e “La cantante Josefine ovvero Il popolo dei topi”. Proprio del digiunatore si occuperà questo articolo.

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.

Author Kazuo Ishiguro poses for the media outside his home, following the announcement that he has won the Nobel Prize for Literature, in London, Britain October 5, 2017. REUTERS/Toby Melville     TPX IMAGES OF THE DAY

Kazuo Ishiguro: le infinite sorprese del Premio Nobel

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Il consiglio del Libraio, Letteratura e Cultura, Recenti

Lo scorso 5 Ottobre, alle tredici in punto, la delegata della Svenska Akademien – davanti a una nutrita folla di giornalisti in attesa – ha annunciato il nome del vincitore del Nobel per la Letteratura. Quest’anno, ad aggiudicarsi il prestigioso premio, è stato il romanziere giapponese naturalizzato britannico Kazuo Ishiguro. Una decisione che lascia parzialmente sbigottiti: scopriamo insieme il perché.

About Paolo Caponetto

COLLABORATORE | Classe 1985, siciliano. Laureato in Filologia Moderna, frequenta il dottorato di ricerca in Studi sul Patrimonio Culturale presso l'Università degli Studi di Catania. È visiting Ph.D. student all'Università di Vienna e si occupa prevalentemente di digital humanities. In passato ha collaborato con la redazione siracusana de "Il Giornale di Sicilia". Autore del romanzo "Scambio d'estremi", edito da Prospero editore, e di racconti pubblicati in diverse raccolte, è un appassionato di letteratura e di politica. Risiede attualmente a Vienna.

frankenstein

Scrittrici in incognito: Mary Shelley e il suo “Frankenstein”

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Il consiglio del Libraio, Letteratura e Cultura, Recenti

Mary Shelley è stata una delle tante scrittrici e biografe che pubblicarono le loro opere in forma anonima, attraverso uno pseudonimo o col nome del marito. Nata a Londra il 30 Agosto del 1797, è stata una fra le maggiori saggiste inglesi e, attraverso la pubblicazione del romanzo gotico “Frankenstein” si è affermata come autrice di successo, nonostante le critiche subite fin dalla rivelazione del suo nome pochi anni dopo la pubblicazione. Non ci soffermeremo tanto sulla biografia di questa straordinaria scrittrice quanto sul ruolo-chiave giocato dall’autrice durante la sua vita: dare voce alle donne, attraverso la pubblicazione di un’opera sconvolgente e innovativa.

About Erica Ceola

REDATTRICE | Classe 1994, veneta. Laureata in Relazioni Internazionali, è iscritta alla magistrale in Storia dei conflitti contemporanei presso l'Università di Bologna. Attualmente vive a Parigi, dove frequenta l'Università "La Sorbona". Topo di biblioteca, appassionata di vini e film Anni '50, ha deciso di dare forma al suo fanatismo per la storia scrivendo per "La Voce del Gattopardo".

The-Stranger-750x400

“Lo straniero” di Albert Camus: l’indifferenza di un uomo verso il mondo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Il consiglio del Libraio, Letteratura e Cultura, Recenti

«Oggi è morta mamma. O forse ieri, non so. Ho ricevuto un telegramma dall’ospizio: “Madre deceduta. Funerali domani. Distinti saluti”. Non significa niente, forse è stato ieri». Inizia in questo modo il romanzo “Lo Straniero” di Albert Camus, ove l’ideologia dell’autore tocca l’assurdo. L’esistenza umana e i legami non sono perseguibili, in uno dei testi più belli e significativi del Novecento.

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.

dimora-di-lighea-sirena-figlia-di-calliope-3da73f98-6125-4e36-a69d-e0027593dadc

“Il Gattopardo” e “La (sua) sirena”

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Il consiglio del Libraio, Letteratura e Cultura, Recenti

Giuseppe Tomasi di Lampedusa è conosciuto come l’autore de “Il Gattopardo”, celebre romanzo pubblicato nel 1958, vincitore del Premio Strega l’anno successivo, che ha consegnato al suo autore la fama letteraria postuma e da cui è stata tratta l’omonima pellicola sotto la regia di Luchino Visconti. Ma l’autore, gentiluomo siciliano colto, schivo e misurato, nella sua produzione letteraria seppur esigua scrisse un breve racconto, forse poco noto ai più: si tratta de “La sirena”, che circolava anche con il titolo di “Lighea”. Un racconto nel racconto, una splendida perla nascosta come «quel golfetto più in su di Punta Izzo».

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.