CtSr53iWEAAaHil

Hans Christian Andersen e il tema del diverso, spiegato attraverso le sue fiabe

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Pathos, Recenti

Hans Christian Andersen è stato un celebre scrittore danese, conosciuto in tutto il mondo per la sua famosa raccolta di fiabe. In quest’articolo verrà tralasciata la parte cronologica rispetto alla vita dello scrittore, riscoprendone solo l’infanzia e i primi anni della sua adolescenza attraverso gli argomenti di quelle che sono state le storie che ci hanno accompagnato fin da piccoli: i temi principali delle sue opere.

About Erica Ceola

REDATTRICE | Classe 1994, veneta. Laureata in Relazioni Internazionali, è iscritta alla magistrale in Storia dei conflitti contemporanei presso l'Università di Bologna. Attualmente vive a Parigi, dove frequenta l'Università "La Sorbona". Topo di biblioteca, appassionata di vini e film Anni '50, ha deciso di dare forma al suo fanatismo per la storia scrivendo per "La Voce del Gattopardo".

ginestra-e-lava-vulcanica-d87a6991-a3ce-475a-a835-14f2c93b52e5

Il «secol superbo e sciocco» affrontato ne “La ginestra”: l’attualità leopardiana

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Recenti, Zibaldone

«E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce». Anche chi non abbia mai avuto modo o l’opportunità di visitare e vedere dal vivo questi luoghi e in particolare quelli che circondano lo «sterminator Vesevo», può sentirsi terribilmente attratto e irrimediabilmente travolto dalla bellezza di questi paesaggi, allo stesso tempo affascinanti e misteriosi, taciturni e profumati. Era il 1836 e Giacomo Leopardi si trovava a Torre del Greco.

About Marina Muggianu

COLLABORATRICE | Nata in Sardegna nel 1992, diciannove anni più tardi prende il mare e approda in Toscana. Da quel momento vive a Pisa, dove attualmente approfondisce la sua passione per la letteratura italiana. Adora le escursioni, i libri e la cancelleria.

download

Recensione alla silloge poetica “L’attimo che ho colto” di Franca Donà

Pubblicato il 2 commentiPubblicato in Letteratura e Cultura, Recenti, Zibaldone

Il file rouge che salda le quindici liriche de “L’attimo che ho colto” sembra essere il bilancio quotidiano della vita, in bilico tra ricordi e aspettative, desideri appagati e rinunce, propositi e incertezze, là dove la memoria ramifica nel presente e l’ombra diventa alter ego della luce. Il dolore e la gioia sgorgano dalla stessa sorgente e seguono e poi raggiungono il medesimo corso d’acqua, in un ciclo vitale che madre natura ha predisposto e che l’anima consapevole della poetessa ha fatto suo.

About Carla Maria Casula

REDATTRICE | Figlia della Sardegna, classe 1975. Giornalista pubblicista, si occupa di linguistica sarda con particolare attenzione nei confronti dei fenomeni lessicali, fonetici e morfologici. Scrittrice a tempo pieno, ha all'attivo tre sillogi poetiche in lingua italiana e numerosi riconoscimenti in concorsi di poesia regionali e nazionali. Studentessa di Filologia Moderna presso l'Università degli Studi di Cagliari, tra cerimonie di premiazione e presentazioni di libri spera di concludere quanto prima il suo percorso universitario. Sogno nel cassetto: un allevamento sterminato di gatti neri.

22195956_490057871374377_8175881811032705732_n

“Badia Lost and Found”: alla ri-scoperta della bellezza nel cuore di Lentini

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Pathos, Recenti

«La bellezza salverà il mondo». Furono queste le parole – insieme a molto altro – che lo scrittore e filosofo russo Fëdor Dostoevskij ha tramandato ai posteri. Un dono da custodire, ma soprattutto da assolvere: affinché il presente sia in grado di preservare la civiltà, onorando il passato e gettando le basi per il futuro. Eredità filosofica brulicante per il globo, ha varcato i confini di una ridente angosciata Lentini conquistandone letteralmente le mura, dopo averla colta nell’intimo: il suo centro storico. Un viaggio alla ri-scoperta della bellezza, del cuore e dell’anima, da cui non potevamo certamente esimerci. Ed è per questo che abbiamo deciso di interloquire con una guida d’eccezione, Giorgio Franco, tra i pensatori/ideatori del progetto che andremo a focalizzare.

About Emanuele Grillo

DIRETTORE RESPONSABILE | Classe 1991, siciliano fino al midollo. Studente di Giurisprudenza, ha frequentato il Liceo Classico della sua città. Appassionato di scrittura, ha vinto numerosi premi. Immerso nella musica sin da piccolo, suona il pianoforte e ha maturato una certa esperienza in ambito corale-polifonico. Idealista, sognatore e pragmatico all'occorrenza, aspira a cambiare il mondo e a tirar fuori il meglio dalle persone; nel tempo libero, comunque, ritorna coi piedi per terra. Europeista ed antifascista convinto, progressista, crede nella giustizia sociale e nel rispetto degli ultimi. Ritiene che la legalità non sia mai un optional. Ama i viaggi, la lettura, la sua terra, il mare e i boschi. Di fede juventina da quando ha memoria, fotografo a fasi alterne, nutre un amore nascosto per l'Oriente.

arthur-rimbaud-9458957-1-402

Enfant prodige, poeta e genio maledetto: la vita di Arthur Rimbaud

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Pathos, Recenti

Arthur Rimbaud è considerato uno dei poeti più rivoluzionari del suo tempo: giovane artista controcorrente, prese parte ai fermenti sociali e politici del suo Paese, influendo con le sue idee nella produzione di profondi cambiamenti in ambito letterario e artistico. Come un boomerang di sovversione ed irrequietezza, egli contribuisce alla creazione di espressioni rivoluzionarie che incideranno su tutte le correnti artistico-letterarie seguenti.

About Erica Ceola

REDATTRICE | Classe 1994, veneta. Laureata in Relazioni Internazionali, è iscritta alla magistrale in Storia dei conflitti contemporanei presso l'Università di Bologna. Attualmente vive a Parigi, dove frequenta l'Università "La Sorbona". Topo di biblioteca, appassionata di vini e film Anni '50, ha deciso di dare forma al suo fanatismo per la storia scrivendo per "La Voce del Gattopardo".