01440930

“Un digiunatore” di Franz Kafka

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Il consiglio del Libraio, Letteratura e Cultura, Recenti

Franz Kafka, oltre agli scritti più famosi come “Il castello” e “Il processo”, pubblicò una raccolta di racconti intitolata “Un digiunatore” o “Un artista” del digiuno contenente quattro testi: “Primo dolore”, “Una donnina”, “Un digiunatore” e “La cantante Josefine ovvero Il popolo dei topi”. Proprio del digiunatore si occuperà questo articolo.

macron-prsidente

Emmanuel Macron: le scelte di uno stratega

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Politica ed Economia, Recenti, Sguardo sul Mondo

Sono passati ormai sette mesi da quando Emmanuel Macron ha festeggiato con sua moglie Brigitte e i suoi collaboratori l’elezione a Presidente della Repubblica francese. Una campagna elettorale emozionante, che ha visto crescere gradualmente il consenso del candidato di En Marche!. Eppure, a distanza di pochi mesi la sua popolarità sembra essersi dissolta in una nube di fumo, in modo inaspettato e quasi preoccupante. Proviamo a scoprire insieme il perché.

CtSr53iWEAAaHil

Hans Christian Andersen e il tema del diverso, spiegato attraverso le sue fiabe

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Pathos, Recenti

Hans Christian Andersen è stato un celebre scrittore danese, conosciuto in tutto il mondo per la sua famosa raccolta di fiabe. In quest’articolo verrà tralasciata la parte cronologica rispetto alla vita dello scrittore, riscoprendone solo l’infanzia e i primi anni della sua adolescenza attraverso gli argomenti di quelle che sono state le storie che ci hanno accompagnato fin da piccoli: i temi principali delle sue opere.

ginestra-e-lava-vulcanica-d87a6991-a3ce-475a-a835-14f2c93b52e5

Il «secol superbo e sciocco» affrontato ne “La ginestra”: l’attualità leopardiana

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Recenti, Zibaldone

«E gli uomini vollero piuttosto le tenebre che la luce». Anche chi non abbia mai avuto modo o l’opportunità di visitare e vedere dal vivo questi luoghi e in particolare quelli che circondano lo «sterminator Vesevo», può sentirsi terribilmente attratto e irrimediabilmente travolto dalla bellezza di questi paesaggi, allo stesso tempo affascinanti e misteriosi, taciturni e profumati. Era il 1836 e Giacomo Leopardi si trovava a Torre del Greco.