Kurt-Cobain

Kurt Cobain: la voce dei Nirvana

Pubblicato il Pubblicato in Musica e Arti Visive, Recenti, The Musical Box

nirvana-4ddaf131354a8Uno dei cento migliori cantanti e chitarristi della storia del rock, il miglior artista degli Anni ’90 secondo la rivista Rolling Stones; un altro socio emerito del Club dei 27. Cantanti, musicisti, personalità del mondo del rock scomparsi prematuramente all’età di ventisette anni. Se, però, le morti di Jim Morrison, Jimi Hendrix o Amy Winehouse potrebbero anche sembrare casuali, la fine di Cobain no. Nessuna overdose di droga o alcol. Kurt Cobain muore con coscienza piena. E quella sera del 5 Aprile 1994, per non lasciare nulla al caso, non soltanto si inietta una dose letale di eroina, ma decide persino di spararsi in testa con un colpo di fucile.

A Seattle moriva così una delle star più amate e tormentate di ogni tempo. Un predestinato della tragedia e del successo. Era nato ad Aberdeen, nello stato di Washington, il 20 Febbraio 1967, da una famiglia piccolo-borghese e benestante. Un quadro idilliaco, quello dell’infanzia, che si rompe però a sette anni. I suoi genitori divorziano e lui comincia a manifestare quell’insofferenza e irrequietezza che, per tutta la vita, lo accompagneranno. Più cresce e più è intrattabile. La madre lo scarica al padre. Il padre ai nonni. I nonni, ancora una volta, alla madre. Cobain è talmente indisciplinato e ribelle da risultare insopportabile alla sua stessa famiglia. E ne soffre.

Frequenta appena la terza media quando scopre la marijuana e l’alcool. Con loro trova un diversivo alla sofferenza. Un modo per attenuare la rabbia verso la vita. Ma la consolazione è effimera. La depressione non svanisce e, a soli 14 anni, arriva il primo tentativo di suicidio. Il giovane Kurt si sdraia sui binari di una ferrovia, in attesa della morte. Ma il treno che avrebbe dovuto ucciderlo, all’ultimo istante, devia.

Kurt Cobain
Kurt Donald Cobain (1967-1994) è stato un cantautore, chitarrista e pittore statunitense, frontman del gruppo musicale grunge “Nirvana”

Negli ultimi anni delle superiori avviene la scoperta del punk-rock: una rivoluzione. Grazie alla sonorità aggressiva e alla filosofia ribelle di questo genere musicale, trova il modo di incanalare la propria ribellione e la propria energia. Non le finirà neanche le superiori. Si trasferisce appena diciassettenne a Olympia. Qui rinasce. Si dimostra perfezionista e ambizioso, mosso dalla passione e dal desiderio di successo. Nel 1987, insieme a Krist Novoselich, bassista, fonda i Nirvana. Nei primi tempi si divide tra lavori occasionali e prove. Poi arrivano i concerti-live. La band comincia a farsi un nome a Seattle. Con Chad Channing come batterista, verrà inciso il primo album: Bleach. Arrivano poi le prime tournée locali. La popolarità aumenta. Nel 1990, Chad Channing viene sostituito da Dave Grohl.

Nello stesso anno, in contrasto con la tradizione underground del rock d’origine, viene firmato il contratto con la DGC Records, casa discografica di primo piano negli States. Tutto è pronto per la registrazione del nuovo album. Nevermind verrà pubblicato nel Settembre ’91 e venderà più di trenta milioni di copie. Secondo le previsioni della vigilia, non avrebbe dovuto superare le duecentocinquanta mila. E’ un successo planetario. I Nirvana diventano la band più popolare dei primi anni ’90, apprezzati sia dalla critica che dal pubblico di massa e di nicchia.

Con Nevermind la band ha mantenuto un’anima hard-rock, ma al tempo stesso assimilato certe sfumature pop, e sviluppato più interesse per la melodia e un suono pulito. Una formula vincente che segnerà la storia del rock. E questo anche grazie a live in cui, fra un tutto esaurito e l’altro, le performance dei Nirvana sono sempre incredibili esplosioni di energia e potenza. Ma è proprio all’apice del successo che, per il front-man del gruppo, i fantasmi tornano a comparire.

nirvana
“Nevermind” è il secondo album in studio del gruppo musicale statunitense “Nirvana”, pubblicato il 24 Settembre 1991 dalla “Geffen Records”

La fama mondiale non è bastata a spazzar via la fragilità e l’insicurezza della solitudine. Cobain resta infelice e mostra insofferenza verso il successo raggiunto. Sposa comunque Courtney Love nel Febbraio del ’92. Anche lei una cantante rock. I due vanno a convivere a Seattle, eclissandosi da tutto. Un’altra volta, come era già accaduto durante l’adolescenza, Cobain trova rifugio nella droga. In questo caso, nell’eroina. Un vizio che, stavolta, condivide con la moglie e che costerà alla coppia anche la custodia, per un breve periodo, della loro figlia Frances Bean, nata sei mesi dopo il matrimonio.

Nel ’93 i Nirvana riprendono le tournée e le incisioni. E’ in questo anno che vede la luce In utero, il terzo e ultimo album della band. Anche questo è un grande successo. Ma non è abbastanza per distogliere Kurt dalla depressione e dalla dipendenza dalla droga. Nonostante gli sprazzi di felicità, derivanti dalla famiglia che è riuscito a costruirsi, rimane tormentato. E così, tra alti e bassi, arriva al tristemente noto ultimo mese di vitaTra il 2 Marzo e il 5 Aprile ’94 tre tentati suicidi, di cui uno riuscito, e un ricovero in una clinica di riabilitazione per tossicodipendenti di Los Angeles, con annessa fuga dopo appena 48 ore. Alla fine, l’inevitabile morte.

Cobain entra di diritto nel mito dei belli e maledetti, degli artisti tutto genio e sregolatezza, delle rockstar del vizio. Ma, soprattutto, dimostra come la musica possa elevare l’uomo oltre la sua intrinseca limitatezza, verso obiettivi e dimensioni che trascendono la banale sofferenza del vivere. Kurt Cobain vive ancora nella sua arte. Singoli come Smells like teen spirit, Come as you are, Lithium hanno già segnato almeno due generazioni di fan. Ed è con questa musica che noi oggi ricordiamo la leggenda dei Nirvana ed il genio di Cobain. La catarsi finale è arrivata, per loro, proprio con la musica. 

 

 

——————–

Immagine in evidenza: clicca qui

Fonti Immagini:

n.1 -> clicca qui

n.2 -> clicca qui

n.3 -> clicca qui

About Mr. Tambourine Man

Chi è Mr. Tambourine Man? Nessuno lo sa con certezza. Intorno a lui aleggia un'aura di mistero: per alcuni è un ex chitarrista dei Nirvana reso nostalgico dall'età, per altri un giovane rapper dal sound elettronico, per altri ancora una cantante di opera lirica con la passione per la pop dance. O forse lo stesso lettore. Mr. Tambourine Man vi guiderà in un viaggio mistico attraverso la musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *