140913-isis-militants-01_36eca3bf7c518cd8481745e9fb3f66dd

Convegno a Montecitorio: Stato Islamico “minaccia globale”

Pubblicato il Pubblicato in Politica ed Economia, Recenti, Sguardo sul Mondo
Palazzo-Montecitorio
Palazzo Montecitorio, Roma

Mercoledì 18 Febbraio, presso Palazzo Montecitorio a Roma, si è tenuto un convegno sul tema “Cristiani Perseguitati”. Tra i relatori Padre Bernardo Cervellera, direttore di Asianews; Alfredo Mantovano, magistrato; Gian Micalessin, inviato di guerra con esperienze importanti in Siria e Libia; Pierferdinando Casini, Presidente della III Commissione Affari Esteri del Senato; Michele Valensise, Segretario Generale della Farnesina; Mario Morcone, Capo del Dipartimento libertà civili e immigrazione del Ministero dell’Interno. Moderatore, il giornalista Franco Di Mare. A poche ore da una riunione straordinaria del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla questione libica, il quadro emerso è intricato ed inquietante. Ben note le cronache recenti. Lo Stato Islamico si rafforza in Siria ed in Iraq; si diffonde a macchia di leopardo nel Sinai, in Libia ed in Nigeria. I ventuno copti decapitati sulle coste mediterranee pochi giorni fa, sarebbero la punta di un iceberg di persecuzioni in atto.

Lo Stato Islamico di Iraq e Siria ( o ISIS, o ISIL, o Daesh) è una minaccia seria per chi gli sta intorno. Perlomeno così esso vuole apparire attraverso le tv, i giornali e gli anatemi continui rivolti all’Occidente. Stando a queste descrizioni, non sarebbe ardito paragonare questa realtà politica ad uno degli stati totalitari del ‘900. Anche in questo caso, infatti, siamo di fronte ad un’ideologia, l’Islam radicale, che prevale sul diritto e la dignità del singolo. Anche in questo caso abbiamo una classe dirigente con poteri assoluti. Anche stavolta un capro espiatorio.

image
Abu Bakr al-Baghdadi è un terrorista iracheno, “Califfo” dell’autoproclamato Stato Islamico, entità statuale non riconosciuta sita tra l’Iraq Nord-Occidentale e la Siria Orientale. È riconosciuto come il leader dell’ISIS

E se durante il nazismo di questo non invidiato compito erano investiti gli ebrei, adesso sono i cristiani e l’Occidente crociato il bersaglio. Ma non solo. Il maggior numero di vittime provocato dall’ISIS, infatti, non è tra i cristiani, ma tra gli arabo-islamici. E sarebbe un grave errore equiparare indistintamente il mondo islamico mediorientale all’ISIS. Di questo ci siamo accorti durante il rogo del giovane pilota giordano Al Kasasbeah, catturato dalle truppe di al-Baghdadi (il Califfo dello Stato Islamico) e giustiziato in mondovisione. Il nemico vero non è l’Occidente crociato, ma chiunque si opponga al disegno di potere assoluto del Daesh. L’obiettivo è conquistare il mondo. Arrivare a San Pietro e convertire l’umanità all’islam ed alla devozione per la shari’a, la legge islamica, dedotta secondo una rigidissima interpretazione del Corano.

In questo senso, il pericolo è planetario. Ma allora perché non intervenire subito militarmente, con azioni più incisive degli sporadici raid aerei attuali. La domanda è stata posta al Segretario Generale della Farnesina e all’on. Casini. E le risposte vertono essenzialmente su due-tre punti. Dinanzi alle minacce di un’invasione e di continui attentati, dinanzi a violenza e barbarie così sadicamente ostentate, è evidente che l’intervento armato sarebbe la risposta più semplice ed immediata, ma una scelta dettata più dall’emozione, che dalla ragione. La ragione, infatti, ci dice almeno tre elementi:

 

  • In Iraq, in Siria e in Libia è stato proprio l’intervento armato occidentale a far precipitare la situazione in peggio. In Iraq perché all’impiccagione di Saddam Hussein è seguito un Governo, ad orientamento sciita, che ha ghettizzato la metà sunnita un tempo legata al rais. Interi ranghi dell’esercito del dittatore emarginati e vessati che oggi costituiscono l’ossatura dello burocrazia di Mosul, la capitale irachena dello Stato Islamico. In Siria, assetati di disfarci di un attore scomodo, Bashar al-Assad, si è fatto di tutto per sostenere i cosiddetti “ribelli”, di cui una parte si batteva sicuramente per la libertà e la democrazia ma, un’abbondante altra parte, lottava per imporre la shari’a. E il discorso è analogo per la Libia. E’ presumibile che realtà politiche fondamentaliste abbiano soffiato sul fuoco delle primavere arabe. In Libia, ucciso il dittatore Mu’ammar Gheddafi sotto i bombardamenti occidentali, il quadro emerso è forse il più inquietante con, al momento, il paese scisso in almeno tre porzioni: quella dell’ISIS, quella del governo di Tobruk, quella del governo di Tripoli. E ognuna con il proprio esercito! L’intervento armato richiede una strategia precisa ed efficace. Una strategia ponderata e magari migliore di quelle che hanno ispirato le precedenti azioni militari. Ma c’è anche un altro punto che induce a cautela. Ed è quello della credibilità ;

 

  • Lo Stato Islamico è una minaccia globale. E questo nonostante il tentativo, da parte dello stesso Daesh, di limitare la questione ad uno scontro di civiltà tra Islam ed Occidente crociato. Se truppe occidentali posassero piede da sole in Medio Oriente, un’altra volta e senza il sostegno degli altri Paesi arabi, il rischio di prestare il fianco al topos dello scontro di civiltà sarebbe enorme. Per questo le diplomazie occidentali sono al lavoro. Non tanto per trovare accordi e intese con lo Stato Islamico, la qualcosa sembra peraltro impossibile; ma per trovare un’alleanza sicura, scevra da ambiguità ed univoca con gli altri Paesi arabi della regione, sotto l’egida delle Nazioni Unite ;

 

  • L’ltalia, per motivi storici e geografici, è toccata molto da vicino dalla questione libica. Sarebbe infatti il primo Paese occidentale a rischio per contiguità territoriale. Anche qui le diplomazie sono al lavoro, per cercare una sintesi tra i governi di Tripoli e Tobruk, in funzione anti-ISIS. Ma per il momento i fondamentalisti islamici hanno, dalla loro, alcune armi che possono infondere preoccupazione tra le autorità italiane. Una in particolare: i migranti. Masse di disperati che arrivano dall’Africa sub-sahariana, dall’Egitto, dalla Siria o dal corno d’Africa che potrebbero essere usati come effetto massa, moltiplicando gli sbarchi per destabilizzare i nostri sistemi di accoglienza, o come copertura di militanti infiltrati, pronti a creare cellule terroristiche sul nostro territorio. Questa seconda ipotesi sembrerebbe però, dai lavori del convegno, la meno attuabile e la più difficile da realizzare. Più pericolosa, probabilmente, la presenza entro i nostri confini di fasce di popolazione emarginate, magari di origini arabe o africane. Tra queste vittime dell’ingiustizia sociale una riscossa nel nome dell’Islam, per punire l’Occidente infedele, potrebbe avere un fascino maggiore. E la cosa è stata dimostrata a Parigi, come anche a Copenaghen, dove gli attentatori erano cittadini europei .

 

La situazione, insomma, è alquanto complessa. La minaccia solo potenziale, e non ancora effettiva, dello Stato Islamico nei territori occidentali consente di ponderare bene i rischi e i benefici di un’eventuale azione militare, e di cercare con impegno un’alleanza forte con gli Stati arabi estranei all’ISIS, prima di intervenire vigorosamente. Certo è che lo status quo non può rimanere ad libitum. E il peso delle popolazioni governate oggi dall’ISIS e dai suoi fanatici, dalle loro leggi, pene, proibizioni ed esecuzioni continue è altissimo, non solo per i cristiani. Una risposta internazionale unita è auspicabile e, presto o tardi, probabilmente necessaria. Il tutto, però, evitando l’insano errore che i guerriglieri ISIS vorrebbero che commettessimo.

Ovvero ridurre la questione ISIS ad uno scontro di civiltà. La musulmana contro la cristiana. Se così fosse, un terzo conflitto mondiale sarebbe un concreto rischio, non più una temuta possibilità.

 

isis-2

 

——————–

Immagine in evidenza: clicca qui

Fonti Immagini:

n.1 -> clicca qui

n.2 -> clicca qui

n.3 -> clicca qui

About Fabrizio Giovanni Vaccaro

COLLABORATORE | Classe 1991, è nato e cresciuto ad Augusta (SR). Diplomatosi al Liceo Classico "Megara" della sua città nel 2010, ha scelto poi di emigrare a Roma, dove studia Medicina e Chirurgia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore. Nutre essenzialmente tre passioni: l'attualità, la politica, l'Islam ed il Medio Oriente.

Un pensiero su “Convegno a Montecitorio: Stato Islamico “minaccia globale”

  1. http://fil.email/knLcQ

    http://fil.email/jLFrW

    buongiorno,
    si invia la notizia della sentenza della Cassazione Penale riferita a una pratica islamica.

    Si evidenzia l’opportunità della max divulgazione in quanto come pena accessoria sarà applicata la sottrazione della patria potestà anche per i nuclei familiari esteri
    riconducibili all’interessato, qualora entrino nel territorio nazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *