185489229_1305138b6f_b

Ercole e Atlante giocano a palla con il mondo: un dialogo di Giacomo Leopardi

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Recenti, Zibaldone

Giacomo Leopardi è stato uno dei più grandi poeti italiani dell’Ottocento, amato o odiato, capito o incompreso da innumerevoli generazioni di scolari che lo hanno studiato nella loro carriera. Una parte della sua produzione in prosa è costituita dalle “Operette morali”, ventiquattro dialoghi scritti sul modello di Luciano di Samosata. E in questo articolo si approfondirà il secondo testo contenuto al suo interno, intitolato “Dialogo d’Ercole e di Atlante”.

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.

auschwitz-camps-de-la-mort-1

“Se questo è un uomo” di Primo Levi: una riflessione sull’animo umano

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Recenti, Zibaldone

“Se questo è un uomo” è un libro familiare. Di solito viene proposto come lettura scolastica, specialmente quando si affronta l’argomento Secondo Conflitto Mondiale e annessi. Spesso passa come testimonianza delle condizioni dei deportati nei campi di prigionia nazisti, ma gli intenti del suo autore, Primo Levi, andavano molto al di là di questo, seppur importantissimo, valore documentario.

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.

The-Stranger-750x400

“Lo straniero” di Albert Camus: l’indifferenza di un uomo verso il mondo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Il consiglio del Libraio, Letteratura e Cultura, Recenti

«Oggi è morta mamma. O forse ieri, non so. Ho ricevuto un telegramma dall’ospizio: “Madre deceduta. Funerali domani. Distinti saluti”. Non significa niente, forse è stato ieri». Inizia in questo modo il romanzo “Lo Straniero” di Albert Camus, ove l’ideologia dell’autore tocca l’assurdo. L’esistenza umana e i legami non sono perseguibili, in uno dei testi più belli e significativi del Novecento.

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.

1024px-Sandro_Botticelli_-_La_nascita_di_Venere_-_Google_Art_Project_-_edited

Chi era la musa del Rinascimento?

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Pathos, Recenti

È sufficiente cercare sul web «Simonetta Vespucci» affinché compaiano numerosi risultati su una giovane donna bellissima che sarebbe stata musa e modella di poeti e pittori, una vera icona quattrocentesca. Si tratta, appunto, di Simonetta Cattaneo, coniugata Vespucci, accreditata come una delle donne più belle del Rinascimento, che avrebbe prestato il suo volto alle raffigurazioni di pittori quali Piero di Cosimo e Sandro Botticelli, di cui sarebbe stata perfino amante. Basta guardare inoltre il retro della moneta dei dieci centesimi italiani per trovarsela davanti. Cerchiamo allora di fare un po’ di luce su questa giovane.

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.

Boccaccio

La «cortesia» di Federigo degli Alberighi

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Letteratura e Cultura, Recenti, Zibaldone

Federigo degli Alberighi è un giovane «in opera d’arme e in cortesia», qualità fondamentali per un cavaliere, che si è innamorato di una gentil donna fiorentina molto bella di nome Giovanna che, in accordo ai canoni dell’amor cortese, è già sposata e ha anche un figlio. Per lei Federigo organizza tornei, giostre e feste, ma arriva a dilapidare il proprio patrimonio e a ridursi in povertà. In questo articolo si considera una novella di uno degli autori più importanti della letteratura nostrana, ossia Giovanni Boccaccio, e vuol essere una piccola prova del fatto che il Medioevo, durante il quale operò, non fu un periodo così buio e privo di slancio come si può pensare.

About Diletta Solinas

REDATTRICE | Classe 1992, sarda. Adora la lettura, l'arte, i film, i viaggi, i programmi di Piero e Alberto Angela e guarda ancora con meraviglia il mare e la natura. Laureata in Lettere sulla via dell'antico, ora prosegue gli studi in Italianistica e per questo si sente un po' un ibrido.