FillWyIxNjAwIiwiODAwIl0-The-Hills-Shire-Council-australia-day-event

Australia Day: i retroscena di una festa nazionale

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Costume e Società, Little Italy, Recenti

Il 26 Gennaio di ogni anno qui in Australia viene festeggiata la ricorrenza dello sbarco, nella baia di Sydney, della First Fleet. Una ricorrenza importante per tutto il Paese: ma dietro si cela molto di più. Proviamo a vederlo insieme.

About Francesca Bux

COLLABORATRICE | Classe 1984, veneta ma con sangue pugliese, buddista. Esteta da sempre, amante dell'arte in ogni sua forma, della danza orientale e dell'Antica Roma. Appassionata di architettura, scultura, fotografia, fisica e motoristica. Malinconicamente nostalgica, nutre una forte passione per il teatro, il buon vino, gli scritti di Italo Calvino ed Oscar Wilde. Dichiaratamente nerd, è una mangiatrice esperta di biscotti. Attualmente vive in Australia, in attesa di decidere altre destinazioni.

La-guerra-fredda_imagefullwide

L’uomo che ci salvò tutti

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Costume e Società, Recenti, Sabbie del Tempo

La freddezza e la lucidità di un solo uomo ha fatto sì che il 1983 non venisse ricordato come l’anno in cui scoppiò il terzo conflitto mondiale a seguito del contrattacco nucleare dell’allora Unione Sovietica contro gli Stati Uniti d’America. Il suo nome è Stanislav Evgrafovič Petrov.

About Chiara Vilardo

COLLABORATRICE | Classe 1990, originaria di Sommatino (CL), studia Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Catania. Le piace leggere, soprattutto quando si tratta dei romanzi di Ken Follett. Adora la musica che appartiene al cantautorato italiano e negli ultimi tempi si sta avvicinando con interesse al mondo del cinema.

VentiMesi_slideshow-03

Perché giochiamo

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Joystick, Musica e Arti Visive, Recenti

A volte ritengo che il distacco dal mezzo video-ludico sia semplicemente una questione storica: i giochi hanno iniziato ad avere una popolarità di massa, grazie allo sviluppo tecnologico, solo a partire dalla fine degli Anni ’70 e inizio Anni ’80. Prima i videogiochi erano retaggio degli addetti ai lavori, cioè gli ingegneri informatici. A differenza della musica che esiste da millenni, o il cinema che ormai ha oltre un secolo di vita, i videogiochi hanno approssimativamente quarant’anni: un po’ pochi.

About William Zancan

COLLABORATORE | Vive in Provincia di Treviso, laureato alla magistrale in Scienze Filosofiche presso l'Università degli Studi di Padova. Nutre svariati interessi tra cui la musica, il gaming, la scienza e lo sviluppo tecnologico. Vorrebbe esserci quando il primo uomo atterrerà su Marte.

tony-blair-1024

La sinistra in trasformazione nella crisi globale

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Politica ed Economia, Recenti, Sguardo sul Mondo

Osservando il quadro occidentale, si nota l’ascesa di posizioni politiche che si consideravano sull’orlo dell’estinzione fino a un decennio fa. Il trend generale appare chiaro: esistono delle esigenze economiche e sociali da parte dei cittadini dei Paesi occidentali che non trovano attualmente risposte adeguate. I prossimi anni ci sapranno dire se la sinistra tornerà in grado di difendere i lavoratori, creare lavoro, tutelare le fasce più deboli della popolazione e rispondere a quel bisogno di equità diffuso, oppure se si rivelerà inadeguata al proprio compito storico e se vedremo quindi incrinarsi l’ordinamento liberal-democratico che ha mantenuto la pace in Occidente per gli ultimi settant’anni.

About Walter Rapetti

REDATTORE | Classe 1987, genovese. Laureato magistrale in Storia, possiede un master in Pubblica Amministrazione. Ha la brutta abitudine di occuparsi di politica, in particolare europea e internazionale, e di andare a caccia di guai facendola talvolta in prima persona. Tuttavia, rimane un umano grazie ai suoi interessi: storia, antropologia, natura, innovazione tecnologica condite da "nerdosità" quali LEGO e giochi di ruolo.

GettyImages-147191248

Il reddito di base: l’utopia reale della Finlandia

Pubblicato il Lascia un commentoPubblicato in Politica ed Economia, Recenti, Sguardo sul Mondo

La domanda è, da secoli, una soltanto: il reddito di base rende le persone pigre e restie a lavorare o rappresenta un aiuto concreto? Dal 1° Gennaio dell’anno corrente, in Finlandia è stato avviato un esperimento sociale che ha da sempre suscitato dibattiti. E quale sia la strada giusta da intraprendere è ancora tutto da capire.

About Stella Sacco

REDATTRICE | Classe 1986, con doppia cittadinanza italiana e napoletana. Giornalista con una laurea triennale in Scienze della Comunicazione a Napoli e una magistrale in Scienze Politiche a Bologna. È curiosa e si interessa di tutto, in particolar modo di politica & attualità e di marketing & comunicazione. Tra esperienze lavorative in copywriting e concerti, sogna un futuro in qualunque posto del mondo.